mercoledì 13 ottobre 2021

La violenza squadrista di Roma contro la CGIL ha fallito.

 

La violenza squadrista di Roma contro la CGIL ha fallito, perché se
voleva colpire le lavoratrici e i lavoratori e le lotte sindacali che
essi rappresentano, queste saranno in piazza sabato prossimo. Sono
state in piazza nello sciopero della galassia del sindacalismo di base
lo scorso lunedì. Le sigle cambiano, le metodologie anche, ma la lotta
della classe operaia per la propria emancipazione è una sola. L’eco
del fallimento di questa azione si è ingrandito inoltre nella grande
partecipazione alla marcia della pace di domenica scorsa e nelle sedi
sindacali presidiate. Va ricordato che lo squadrismo corteggiato dai
partiti di destra non è solo un’operazione elettoralistica, piuttosto
e` l’espressione della violenza e della gerarchia del potere,
l’esaltazione del capo, la fede nel capo – uomo della provvidenza -
mentre la miseria avanza, dandone la colpa al capro espiatorio di
turno. Non basta certo una condanna di maniera contro la violenza tout
court, se non si è disposti anche a condannare la violenza del
profitto liberista, della gerarchia del sistema, della negazione del
welfare. Un appello all’antifascismo questa volta è più sentito che
mai, ma fatto da parte di istituzioni e forze politiche che hanno
assistito – e sostenuto – la distruzione dei diritti sociali in questo
paese, ha scarso valore. La canaglia fascista cresce nella miseria e
nell’ignoranza, pronta ad offrirsi ad un padrone di turno per
alimentare disordine e paura a vantaggio di pochi e a detrimento di
tanti. La parola libertà, così tanto abusata a difesa del proprio
piccolo mondo, va difesa nella solidarietà verso i più deboli, nella
conquista di diritti sociali, nell’affermazione della forza della
ragione e non della ragione della forza.


FAI - Federazione Anarchica Italiana:
   Sez. “M. Bakunin” – Jesi
   Sez. “F. Ferrer” – Chiaravalle
Circolo Studi Sociali “O. Manni” – Senigallia
Gruppo Anarchico “Kronstadt” (senza fissa dimora) – Ancona

 
Comunicato stampa del 11 ottobre 2021

Comunicato stampa del 10 ottobre 2021

 

Sulla stampa locale è uscita, di recente, una lettera di Volpini in
difesa del Primario di Medicina Interna dell’Ospedale di Senigallia, dove sottolineava il fatto della carenza di disponibilità di letti come conseguente alle scelte aziendali e non imputabili a quelle di un dirigente medico. Vero, ma c’è un piccolo particolare che Volpini dimentica: quelle scelte aziendali si sono realizzate nell’arco di oltre un ventennio di continuativa destrutturazione della sanità pubblica nelle Marche. Arco di tempo in cui al governo c’era Volpini con il suo partito, e quindi, se vuole veramente essere solidale con
la Primaria di Medicina ed ancor più con il j’accuse della paziente, poteva letteralmente prendersela … con sé stesso. E con tutta la classe politica e dirigenziale che ha portato, in tutta Italia, da destra a sinistra, alla destrutturazione del welfare pubblico.
Se vuole essere solidale deve esserlo con chi aspetta ore ed ore nei Pronto Soccorso perché non ha risposte dalla carenza di medici di medicina generale.
Se vuole essere solidale dia uno sguardo all’assenza di una reale
continuità delle cure sul territorio, mai efficacemente realizzata,
che lascia i pazienti più fragili in balia del mercato e delle liste
di attesa. Quella espressa da Volpini è una solidarietà di classe –
quella potente - che esprime tutta la distanza fra chi sta nelle
stanze del palazzo, e provoca disastri sociali in nome del profitto, e chi questi disastri li subisce. Dal canto nostro siamo solidali sia
con la paziente e la sua famiglia sia con tutti i lavoratori che in
questi anni hanno lottato per la difesa della sanità pubblica.

Circolo di Studi Sociali "Ottorino Manni" di Senigallia
FAI - Federazione Anarchica Italiana
   sez. "M. Bakunin" - Jesi
   sez. "F. Ferrer" - Chiaravalle

mercoledì 22 settembre 2021

Osservatorio infortuni sul lavoro - Maggio, giugno, luglio, agosto 2021

 

Anche questo numero dell'osservatorio esce dopo quattro mesi, il lavoro di raccolta dati non si ferma, come non lasciano respiro i ritmi di lavoro, sempre piu` oppressivi. Non ci sono mai buone notizie sul fronte della sicurezza del lavoro in regione. In questi mesi estivi fatti di precariato e lavoro nero, stagionale l'arretramento del livello di sicurezza lavorativa, sia in senso economico (leggasi ricattabilita`), che di esposizione ai rischi di infortunio e` un fatto, ormai consolidato, di contratti e di lavoro precario, determinato, che di certo non fornisce il tempo adeguato per avere sufficiente esperienza nelle proprie mansioni e stabilita` per costruirsi una vita. I corsi e la formazione, organizzati sempre a norma di legge, a volte in modo superficiale, riescono nell'intento di deresponsabilizzare il padrone, per noi purtroppo rimane solo l'esperienza nella mansione per comprendere i rischi che corriamo, e spesso non basta, mentre l'imprenditore spinge sempre piu` avanti l'asticella del compromesso per reggere la concorrenza, in certi settori, con la vera e propria schiavitu`. Dove invece la gestione del lavoro e` piu` strutturata e controllata, i lavoratori passano dall'essere carne da macello a puri numeri da esporre su una lavagna ai propri investitori, una stima numerica di traverso e intere comunita`, di famiglie, perdono le proprie principali fonti di reddito, farne un problema legale semplicemente disumanizza il sudore, la professionalita` di centinaia di lavoratori che hanno dato un apporto reale all'elevazione di gruppi come Elica, che alla bisogna valutano e paventano di mettere i lavoratori alla porta al momento piu` redditizio. Tornando al mondo dell'imprenditoria rapace e ignorante, decine sono i lavoratori completamente in nero o parzialmente in regola, scoperti in questi mesi, nei rarissimi controlli effettuati. Sono risultati oltre il 50% dei rapporti di lavoro irregolari in un albergo a Fermo, oltre l'80% del personale invece, in un azienda tessile di Sant'Angelo risultava in nero, con l'aggravante di non rispettare alcuna norma di sicurezza. A Camerino, nel settore manifatturiero, sono stati riscontrati livelli circa del 40% di personale non in regola. Gli infortuni di tutti questi lavoratori andranno a far numero, sulla cronaca, solo in caso di morte, forse. Dopo i piagnistei dei piccoli, che vivono sui consumi dei lavoratori, escluso forse il settore moda e il calzaturiero (che faranno esplodere tra poco tutto il loro peso sociale di disoccupazione, sempre se la giunta non mettera` mano al portafoglio), quasi tutti i settori industriali regionali hanno recuperato le perdite dovute al covid, obbligati a reinvestire dopotutto solo in mascherine e gel per i dipendenti, quando questo avviene davvero. Trainate dalla meccanica (macchine utensili) e dagli elettrodomestici, le esportazioni dei padroni si sollevano di un +10% sui dati pre-pandemici. Ma si sa, siamo in un periodo di accumulo dei capitali, e le ricadute occupazionali non investono i territori di riferimento dei vari comparti, soprattutto il fabrianese, storico territorio dell'elettrodomestico. Dei centinaia di cantieri nel sud della regione, molti rimangono ancora solo sulla carta, lo spopolamento delle zone colpite dal terremoto di ormai 5 anni fa e` una realta`. Dopo cosi` molti anni, come si pensa che la popolazione attiva non abbia ricostruito la propria vita  altrove? o che abbia almeno tentato di farlo. Una ricostruzione che quando finira` lascera` un territorio effimero, ad uso e consumo del turismo, in cerca di un mondo ancora autentico, tanto decantato dalle prestigiose guide turistiche, ma che si rivelera` piccolo per i grandi numeri che giustificherebbero gli investimenti, e fittizio, come quello esperienziale che si cerca in lidi lontani. I nostri territori, prima produttivi, man mano si trasformano in passivi e la vitalita` che animava i piccoli paesi sparsi, dalle colline al mare, scemera`, insieme con le persone migrate, loro malgrado, in cerca di servizi e posti di lavoro. A chi rimarra` nei prossimi anni, si ritrovera` dinnanzi al sempre piu` urgente bisogno di sperare e riorganizzare una realta` che sia ancora includente e lontana dalla logica del profitto.

A cura del Centro Studi Libertari "Luigi Fabbri" di Jesi


 

Per lo sciopero Generale - 11 Ottobre 2021


 

martedì 24 agosto 2021

Comunicato stampa del 23 agosto 2021

Comunicato stampa

Dai dibattiti del Meeting di Rimini arriva l’avvertimento del prof. Ricciardi: “Via i brevetti sui vaccini per intensificare una campagna di massa e impedire così che la pandemia duri anni”. Ed in merito ricorda come, causa la non copertura vaccinale dei dodicenni, con la riapertura delle scuole in Scozia, il picco dei contagi nei giorni scorsi è schizzato verso l’alto. Informazione che preoccupa, è il dato che risulta ancora un 12,82% del personale scolastico (ATA e professori) non vaccinato. In un colpo solo due diritti fondamentali, quello alla salute e quello all’istruzione pubblica, vengono messi in crisi, in aperto conflitto, come è già stato in passato quando si doveva scegliere fra salute, lavoro, e sicurezza ambientale. Vaccinarsi oggi è un atto di solidarietà sociale, tutela dalla malattia ed impedisce la diffusione del virus e delle sue varianti. Al tempo stesso sostenere la scuola, assumere personale, restituire risorse finanziarie all’istruzione pubblica, significa investire in cultura oggi, per impedire domani la dittatura degli analfabeti di ritorno, dei negazionisti della scienza. Chi si erge oggi a difesa delle libertà liberali individualiste, a scapito della collettività, lo fa per egoismo e bassi fini elettorali, mettendo a repentaglio la salute di tutti. Persone e personaggi che non hanno mai mosso un dito contro i tagli all’istruzione e alla salute pubblica. E’ necessario rivendicare la riapertura delle scuole, e delle attività lavorative dopo l’estate, in sicurezza. Salute ed istruzione garantite. I chiacchieroni se ne stiano a casa.

FAI - Federazione Anarchica Italiana

    sez. "M. Bakunin" - Jesi

    sez. "F. Ferrer" - Chiaravalle

Gruppo Anarchico "Kronstadt" (senza fissa dimora) - Ancona

domenica 18 luglio 2021

Comunicato stampa del 19 luglio 2021

 

Qualche giorno fa, mentre il Presidente della Regione si preoccupava dell’innalzamento dei contagi in relazione alla stagione turistica, l’Assessore alla Sanità rendeva noto l’obiettivo di favorire una sanità maggiormente diffusa sul territorio. Buona cosa, se non fosse che viene riproposta con il modello desueto della visione ospedalo-centrica da tutti messa in discussione. Nel criticare il modello dell’ospedale unico, l’Assessore ne vorrebbe la moltiplicazione a livello interprovinciale, probabilmente nell’intenzione di dare continuità ai vari spot di una campagna elettorale che sembra non finire mai. E’ abbastanza imbarazzante volere la moltiplicazione degli ospedali quando non ci sono attrezzature e personale per far fronte alle esigenze quotidiane di quelli già esistenti. Servono medici ed infermieri di famiglia, per il territorio. Ne servono tanti. E servono anche tanti medici ospedalieri, specialisti ed infermieri, oss, tecnici, e tanto personale amministrativo ridotto all’osso dai vari tagli subiti e affogato dalla burocrazia inutile del palazzo.

C’è una terza ondata di contagi che sta salendo; la popolazione, i lavoratori, sono stanchi del cianciare di amministratori e politici, ed hanno la consapevolezza che presto torneranno negli scafandri per colpa di una gestione della prevenzione e del piano vaccinale non all’altezza delle necessità pandemiche. Le sfide della sanità già da oggi sono quelle legate alla capacità del sistema di mantenersi equo, dando risposte maggiori a chi ha meno risorse, sostenendo l’accesso ai servizi in relazione al reddito, all’istruzione, all’occupazione, alle fragilità sociali. Pensare che la salute si sostiene solo moltiplicando poltrone da primario e cattedrali nel deserto è qualcosa da rigettare.

Di quale salute collettiva vuol farsi carico un governo regionale se esso stesso non riesce a dare le necessarie risposte, doverose, alle centinaia di famiglie che hanno perso reddito e lavoro, restando pressoché in balia di chi nega l’occupazione delocalizzando fabbriche e produzioni.

Si prevede una continuità lungo la strada di privatizzazioni, tagli e lottizzazioni intrapresa dai precedenti governi regionali cui, questa giunta, deve riconoscenza per la strada spianata verso Palazzo Raffaello che le ha fornito. Chi oggi, privo di argomenti validi, chiacchiera di libertà costituzionali e green pass, vaccini e dittatura sanitaria, non si fa alcuno scrupolo nel creare discriminazioni sociali nell’assegnazione delle case popolari, negando il diritto alla casa, aizzando una guerra fra poveri. Alla fine se chi deve garantire la salute pubblica non riesce ad assolvere al suo ruolo è giusto che chi ne ha bisogno la rivendichi con determinazione, per un welfare equo, accessibile, universalista e pubblico.

FAI – Federazione Anarchica Italiana

   sez. “M. Bakunin” – Jesi
   sez. “F. Ferrer” – Chiaravalle

Gruppo Anarchico “Kronstadt” (senza fissa dimora) – Ancona

mercoledì 14 luglio 2021

“Pestis et circenses”. Tutto si può in nome del calcio?

 Se un gruppo di operai dell’Elica fosse salito sul monumento ai caduti a Jesi, con uno striscione per chiedere lavoro, subito qualcuno avrebbe gridato al vilipendio delle forze armate. Se qualche ragazzotto immigrato si fosse fatto un selfie con il cartello divelto di una via, subito si sarebbe scatenato il perbenismo italiota. Ci sara` comunque qualcuno a promettere che, in tutti i casi, verranno presi provvedimenti in nome della sicurezza. In una società sempre più alienata, povera e dispotica, ci sono follie permesse come il femminicidio per amore o l’omofobia come ragazzata, e proteste represse. Se le cose vanno male, la colpa è del singolo, dotato del libero arbitrio concessogli, per il tempo di una partita, e caricato del monito istituzionale: “Mi raccomando, stiamoci con la testa”. Divertirsi e` stato il motto del CT agli europei. Divertirsi per noi significa anzitutto avere la sicurezza di un salario adeguato, di una casa decente, di essere certi di poter tornare a casa dal lavoro vivi e sani. Telecamere, pattuglie e bidoni smart sono solo la coscienza pulita di un giocar sporco.
Saliranno i contagi fra quindici giorni? Il corona virus è l’ultima delle cause di una pandemia in atto da molto prima del Covid-19.

FAI - Federazione  Anarchica Italiana

    sez. "M. Bakunin" - Jesi

    sez. "F. Ferrer" - Chiaravalle