mercoledì 1 luglio 2020





Comunicato stampa del 26 giugno 2020

Nei giorni scorsi I muri della città si sono riempiti di manifesti
“artistici”. Una scelta culturale per poter coprire i manifesti del
lockdown pandemico con una grafica nuova, stud
iata, bella. Forte la voglia di dimenticare e passare oltre, di ritornare alla normalità cancellando la realtà. Si smontano costosi ospedali da campo. Ci si chiede che cosa fare di costose astronavi sanitarie intanto che ci si libera degli scafandri, si dimen
ticano gli eroi sanitari i quali tornano all’eroica quotidiana assistenza fatta di tagli di posti letto, personale, risorse. Quasi non si riesce a capire perché l’Italia sia stata squassata da una delle peggiori pandemie degli ultimi decenni. Il solito chia
cchierone di Milano dà la colpa alla fatalità. Qualcuno invece alza il dito accusatore contro una classe politica tutta incapace. Altri ricordano la vendita del welfare italiano sul mercato del profitto privato e del clientelismo p
olitico. La chiacchierona di Roma fa il suo tour elettorale promettendo cose. I chiacchieroni locali, pure. Intanto intere famiglie non sanno come andare avanti, hanno finito i soldi, perso il lavoro. Ma per i signori dei palazzi italiani non è successo niente, e la m
emoria del corpo elettorale è breve e pronta a farsi suggestionare da
chi urla di più, da chi promette di più. Da chi fa tutto e il suo contrario. Se ci saranno prossime ondate epidemiche, certo è che il coronavirus continuerà a trovare terreno fertile per svilupparsi in un paese malato di memoria, storica e politica. Per questo abbiamo pensato che riportare alla luce dei manifesti vecchi di sette anni fa, che parlavano di tagli alla salute pubblica, la cui attualità è, purtroppo, evidente, possa essere un atto di accusa contro chi ha reso più fragile la società italiana, debole nei confronti del virus, inerme verso il profitto privato che le ruba futuro e vita. Da sabato, sui muri di Jesi, assieme a manifesti da brand festival, ci saranno manifesti belli di politica.


F.A.I. – Federazione Anarchica Italiana
Sez. “M. Bakunin” – Jesi
Sez. “F. Ferrer” – Chiaravalle
Circolo Studi Sociali “Ottorino Manni” – Senigallia

venerdì 1 maggio 2020

Osservatorio infortuni sul lavoro - marzo,aprile 2020

 
Nell’ultimo numero dell’osservatorio la pandemia in corso era agli inizi della sua virulenza nel paese, ma già dal mese di Febbraio erano centinaia solo nella regione Marche i sanitari in isolamento, sono arrivati al 30 aprile a 1124. In regione sono rimasti contagiati 558 sanitari, di cui 3 sono morti, secondo quanto ha riferito Ceriscioli (16 aprile). Nell’azienda ospedaliera Marche Nord (Pesaro/Urbino) ,la provincia più colpita, non c’è stato alcun decesso tra il personale in servizio: contagiati 71 infermieri, 31 medici, 14 operatori socio sanitari e altri 15 addetti (131 in totale).
All’ospedale di Urbino inizialmente classificato dai dirigenti sanitari regionali no Covid per la provincia, sono 80 gli operatori tuttora infetti. in questi numeri non vengono compresi probabilmente tutti i lavoratori dei “servizi” legati all’assistenza della persona, tutte quelle lavoratrici e lavoratori che preparano pasti,puliscono pavimenti,educatori etc.. inseriti in cooperative e spesso con le più variegate forme contrattuali a ribasso.
Come anche i lavoratori in strutture per anziani appaltate, dove è evidente che la non disponibilità di D.P.I., per una mancata previsione del rischio, oltre che per la scarsità durante l’emergenza in atto ha causato centinaia di vittime inermi tra gli ospiti e svariati contagi tra il personale e di conseguenza le loro famiglie e la cittadinanza tutta. Il sistema produttivo regionale ha inizialmente rallentato senza mai realmente fermasi con l’aumento dei contagi,anche in una situazione mai vista negli ultimi decenni, migliaia di lavoratori hanno continuato a portare avanti il lavoro che svolgono tutti i giorni, solo con un rischio in più oltre ai soliti , con la carenza di D.P.I. e senza delle direttive precise per il lavoro in sicurezza per se e per gli altri.
Questo è diventato concausa dell’altro numero di contagi, rendendo le strutture sanitarie su cui si riversavano dopo la messa in quarantena dei medici di base ( 7 in provincia di Pesaro dopo solo 7 giorni dal primo caso, lasciando i 10.000 pazienti seguiti senza riferimenti sul territorio ) centri di diffusione del virus. Se la pandemia ha portato il numero di morti e contagiati sui posti di lavoro in ambito sanitario RSA ,case per anziani a numeri mai visti, non ha azzerato gli infortuni in tutti gli altri settori, tra chi ha continuato a lavorare purtroppo nelle Marche ci sono stati 2 morti e 4 feriti riportati dai mezzi di informazione nella tempesta di notizie riguardanti la pandemia che satura le fonti per mesi.
La situazione attuale vede il 50% delle attività produttive in provincia di Pesaro Urbino già al lavoro prima della cosi detta “fase2 ”, molte realtà produttive, quelle più sindacalizzate, sono state fermate nella loro arroganza di mettere il profitto davanti alla salute da scioperi di lavoratori stanchi di andare in produzione nonostante la paura e le incertezze anche sul la semplice modalità di comportarsi di fronte a contagiati in famiglia, mancanza di tamponi che certifichino sintomi e disorganizzazioni varie, tra cui la possibilità di ottenere il riconoscimento di infortunio anziché malattia con ben diversi livelli retributivi.

Marzo - Aprile - 1124 operatori sanitari in isolamento, (15 aprile) - 558 operatori sanitari contagiati, 3 operatori sanitari morti

16 marzo - Jesi - camion di pollame si ribalta ferite le due persone a bordo
18 marzo - Ancona - operaio 30enne si schiaccia una mano sotto un carico di ferro operato d’urgenza
22 marzo - Montegiorgio - muore il 65 enne che si era ribaltato con il trattore 2 giorni fa ed era stato rianimato sul posto dai sanitari dell’elisoccorso
23 aprile - Ancona - conducente di autobus di linea ferito in un incidente
27 aprile - Pioraco - muore nel tragitto di ritorno a fine turno di lavoro una dipendente dell’azienda di pizze surgelate svila di 27 anni (incinta)

A cura del Centro Studi Libertari "Luigi Fabbri" di Jesi

giovedì 23 aprile 2020

25 Aprile 2020


Come compagne e compagni del Fabbri di Jesi saremo nella piazza virtuale di questo 25 aprile, allo stesso modo con il quale partecipiamo alla vita reale della società in cui viviamo e lottiamo, per cambiarla, farla più equa e libera da gerarchie economiche, culturali e politiche di sorta. Il giorno della Liberazione torna a parlare di resistenza, più che mai sentita e partecipata contro paure e lutti, sofferenze e miserie, in un filo rosso di solidarietà che lega tutte e tutti, e già nella diversità costruisce il futuro condiviso di un domani di giustizia sociale. Resistere alla pandemia oggi, è già rivendicare un futuro senza le malattie del passato.

[Diretta facebook 25 aprile]


mercoledì 18 marzo 2020

Resistere oggi, rivendicare domani.

Nulla sarà più come prima. L’ottimismo è d’obbligo per superare queste settimane; la ragione ed i sentimenti, pure.
Nell’incertezza angosciante alimentata dalle locandine scandalistiche dei quotidiani e dalle bufale sui social, alcuni elementi risaltano: 1) la voglia di informazione e sostegno reciproco prevalgono sugli egoismi e le meschinerie; 2) le chiacchiere urlate per riempire il vuoto della politica non trovano lo stesso spazio del passato recente.
Alla Giorgia italiana è stato ricordato che il silenzio è d’oro, a riprova poi della perdita dei consensi del capitone padano trascinato in basso anche dall’operato (e dal parlato) dei suoi governatori.
Alla stessa maniera mostra tutta la sua vacuità chi si affanna a fare comunicati per lanciare i suoi j’accuse, e chi aspetta il domani convinto che le sue verità finalmente trionferanno, o chi resta chiuso nelle sicurezze fasulle delle verità condivise sui social.Quello che si costruisce oggi, servirà per domani.
Oggi nella maggior parte dei casi si aspetta, si spera, si resiste, in un sentore comune della gravità della situazione che accomuna chi sta a casa e chi continua a lavorare per mandare avanti la baracca. La baracca nostra, delle nostre vite, non quella del profitto, scambiato con la sicurezza della propria salute) di cui se ne hanno le tasche piene.Sono le pratiche partecipate ed i sentimenti onesti, le idee argomentate e le relazioni inclusive che permettono di andare avanti, senza bisogno né di legittimazioni dall’alto né di controinformazione dal basso.
Tutto questo serve oggi, e servirà domani per ricostruire una società più giusta. Servono gli scioperi improvvisati e le denunce dei lavoratori, il grido di dolore dei carcerati e dei sanitari, la solidarietà e la disciplina di classe di tutti contro la diffusione del virus. La determinazione, ed anche la disperazione, di oggi, serviranno per rivendicare diritti e garanzie domani. Il resto sono chiacchiere da bar, da talk show, da chat.

FAI - Federazione Anarchica Italiana
   sez. "M. Bakunin" - Jesi
   sez. "F. Ferrer" - Chiaravalle

lunedì 9 marzo 2020

Osservatorio infortuni sul lavoro - Dic. 2019 - Genn. Febb. 2020

 
 
Primo trimestrale per questo 2020 ma la costante del morire di lavoro non ci abbandona neppure per questo inizio d’anno. Il bilancio degli incidenti per questi tre mesi nella regione marche sembra dare un po di tregua nei numeri, non certo nella gravità: 3 morti, 1 disperso e12 feriti vengono riportati dalla stampa locale. i numeri regionali se confrontati per anno portano i segni dell’inosservanza delle norme di sicurezza sul lavoro. ci sono state19.011 denunce di infortunio (+397 accadimenti rispetto all’anno precedente). quelle con esito mortale in regione sono passate da 22 a 33 con un incremento percentuale del 150%. di cui 27 in Industria e servizi (da 19), 6 in Agricoltura (erano 3) ..tutto questo in un anno, il 2019,che in italia vede un lieve calo (rispetto al 2018) degli infortuni con esito mortale dovuto ad un precedente anno tragico e ricco di eventi con morti plurime sul lavoro (ponte Morandi, gli incidenti dei pulmini di braccianti in Puglia). I dati marchigiani che evidenziano lo stato di noncuranza dei datori di lavoro dovuta sia ai bassi investimenti in sicurezza sia alla crisi che non ha mai lasciato la regione al plurale. inoltre vanno a sommarsi al minimo impatto che hanno i tanto decantati,controlli per la ottemperanza delle norme, già previste, ma evidentemente solo in parte applicate oppure solo sulla carta. il ruolo dei Servizi per la Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPSAL) è ritenuto marginale nella sanità marchigiana. Gli addetti del comparto, escluse le figure amministrative, sono solo 99 (il 14% del personale dei dipartimenti prevenzione), e di questi i tecnici della prevenzione sono solo 56 (l’8% di tutti gli addetti dei Dipartimenti Prevenzione). i controlli nelle aziende e nei cantieri ispezionati dell’ASUR ha riguardato solo il 5% delle imprese e l’8,5% dei cantieri.Continuano i padroni a guadagnare dal sudore dei lavoratori che non si organizzano, se non quando sono allo stremo; mentre dovrebbero farlo a prescindere. A Pesaro trovati 70 lavoratori in nero oltre ad altri assunti non regolarmente in 7 ditte individuali che svolgevano distribuzione volantini pubblicitari, controllati tramite GPS e affidati a “capisquadra” per le loro 12 ore al giorno per 6 giorni a settimana per 30 euro al giorno. macerata invece si distingue per caporalato con l’ennesima azienda agricola con numerosi braccianti sottopagati e senza giorni di riposo, mentre il padrone 45 enne si compra appartamenti e capannoni per 700mila euro. Un capitolo a parte va dedicato all’attuale emergenza sanitaria dovuta al contagio del COVID-19 che sta emergendo anche nella nostra regione. Le strutture sanitarie e tutte le figure ivi impiegate nei primi momenti del contagio sono risultate forse impreparate a livello di DPI o di operatività in sicurezza, visto che ad oggi secondo i dati del Gruppo Operativo Regionale Emergenza Sanitaria gli operatori esposti al contagio in isolamento domiciliare sono 246 tra medici, infermieri, oss e equipaggi 118 (122 ad Ancona, 87 Pesaro, 21 Macerata,15 Fermo uno ad Ascoli). Ma saranno valutazioni da farsi ad emergenza rientrata, per ora ci basta ricordare come il servizio sanitario sia composto di lavoratori come ogni altro comparto, ma in queste situazioni faccia emergere l’evidenza che è una parte del corpo sociale dove i tagli, in questi anni di relativa tranquillità sanitaria hanno permesso di favorire un sicuro guadagno capitalistico a discapito della tutela della popolazione.
 
05 dicembre – Jesi – New Holland operaio di 50 anni viene investito dal trattore su cui lavorava, soccorso in gravi condizioni gli operai del turno si fermano insciopero
 
19 dicembre – Monsampolo del Tronto – agricoltore di 72 anni muore schiacciato dal trattore che slittando si ribalta
 
7 gennaio – Ancona – iper mercato ex Auchan dipendente viene travolto da uno scaffale nell’area fai da te
 
8 gennaio – Civitanova – 23enne responsabile di un centro equestre ferita da un calcio di un cavallo
 
14 gennaio – Camerino – operaio in un officina cade da una scala da oltre 2 metri riportando un trauma cranico elisoccorso
 
15 gennaio – Borgo Tufico – all’interno della ditta Megatrasporti un lavoratore di 61 anni cade mentre si trova tra il rimorchio e bilico riportando politraumi
 
16 gennaio – Camerano – operaio di 49 anni muore colpito alla testa dalla pala di un bobcat che gli spacca il casco protettivo nel cantiere del nuovo ospedale inrca, riscontrate irregolarità sulle misure di sicurezza nel cantiere
 
17 gennaio – Cingoli – 67enne cade dal trattore battendo la testa
 
20 gennaio – Ancona – operaio di 58 anni in un officina meccanica viene colpito alla testa da una sospensione di un mezzo che stava smontando sopra il ponte sollevato, riporta ferite alla testa e un trauma cranico
 
26 gennaio – Falconara – tir carico di cioccolata si ribalta autista 63enne rimane incastrato tra le lamiere
 
18 febbraio – san benedetto – muore un operaio di 65anni mentre lavora ad una condotta idrica, cade nello scavo, la terra smossa lo travolge
 
19 febbraio – Sassoferrato – due operai uno di 45 anni l’altro di 40 cadono dal tetto di un capannone di un officina meccanica dove stavano svolgendo riparazioni da un altezza di 6 metri uno elisoccorso, l’altro trasportato via terra
 
20 febbraio – Senigallia – agricoltore rimane incastrato sotto il trattore estratto dai vigili del fuoco elisoccorso
 
22 febbraio – Porto Recanati – pescatore disperso in mare ritrovata la sua barca con ancorale reti in acqua, nessuna traccia dell’uomo sulla 50ina
 
25 febbraio – Agugliano – furgone di un azienda frigorifera si schianta contro una cisterna di amido in manovra il conducente 32enne rimane ferito
 
A cura del Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri” di Jesi

giovedì 26 dicembre 2019

Osservatorio Ago-Sett-Ott-Nov 2019



Questa volta usciamo in quadrimestrale ed in ritardo, i tempi lasciati liberi dal lavoro agli sfruttati sono sempre più ridotti, impedendo ad alcuni di partecipare alle attività politiche o di socialità e scambio di informazioni dai vari contesti lavorativi. Isolandoli, anche fuori dai lavori sempre meno aggreganti e abbassando cosi la cooperazione contro lo sfruttamento. Nelle Marche in questi mesi purtroppo abbiamo visto precipitare le condizioni di alcuni feriti negli incidenti avvenuti, arrivando al decesso dopo mesi di agonia. Continuano a piovere lavoratori dai tetti della regione,gli infortuni al 30 ottobre sono già 15806 (quelli denunciati) non mancano morti in aumento del 62% in regione nei primi 10 mesi del 2019 e feriti gravi, esplosioni e incidenti agricoli. La consuetudine dell'incuranza nella sicurezza sul lavoro. I controlli, quei pochi che si effettuano, evidenziano oltre 45 lavoratori senza contratto o pagati con somme ridicole, con anche 2 minori al lavoro. Caporalato nei campi di Recanati con 12 ore di lavoro 7 giorni su 7 per 5 euro l'ora, caporalato in ristoranti di Pesaro con 15 persone che lavorano 14 ore al giorno con paghe di 600 euro. A Senigallia lo scandalo di un ristorante sembra essere solo incentrato sull'ambito della sicurezza alimentare sorvolando sullo sfruttamento dei lavapiatti completamente in nero che vi lavoravano. I dati Istat riportano un tasso in crescita di occupazione regionale arrivato fino al 65%, ma se si incrociano i dati con i livelli di retribuzione si scopre che i lavoratori sono sempre più poveri, più della metà dei lavoratori è precario o part – time (34%) e un terzo ha salari sotto la soglia di povertà. Soltanto 1/3 delle donne che lavorano possiede un contratto a tempo pieno e indeterminato. La destrutturazione del lavoro voluta da chi vede il futuro economico dalla parte dei dividendi colpisce in modo duro i giovani che oltre a contratti di lavoro poco stabili percepiscono un salario medio lordo annuo di soli 11mila euro. Se suddiviso per classi di retribuzione, il dato evidenzia che pur lavorando si possono avere grossi problemi a tirare avanti in una società che si privatizza. Il 40% dei lavoratori percepisce annualmente meno di 15mila euro, il 28% meno di 10mila. Quelli a tempo determinato 9500; quelli somministrati 8200 e gli intermittenti 1700. Questo quadro di povertà dilagante è affiancato dalle infinite vertenze che coinvolgono le aziende con base nella nostra regione. La JP Industries di Fabriano è da 8 anni con cassa integrazione e produzione a singhiozzo, 12 anni se si considera il periodo della ex Merloni comparto bianco, rimangono ora solo 48 impiegati e 544 operai. La sola vertenza Auchan – Conad interessa 1600 lavoratori che aspettano le risposte dal MISE. La Manifattura Tabacchi di Chiaravalle che dopo ruberie varie della MIT s.p.a, i processi e sequestri ora alla Italian Tobacco Manufacturing s.r.l. rimangono con solo 80 lavoratori (erano centinaia), in cassa e con un futuro incerto, in un settore dai profitti assicurati. La Storica Berloni cucine nel pesarese riceve la messa in liquidazione della società da due dei tre soci taiwanesi che rilevarono la maggioranza della società cinque anni fa, nonostante un fatturato in crescita del 22% dell'anno precedente. una crisi inaspettata per gli 85 dipendenti che ancora attendono alcuni stipendi del concordato precedente.




03 Agosto - Ancona - A14 furgone che trasporta un’ impalcatura si ribalta per l’esplosione di un pneumatico. dei tre passeggeri uno portato al pronto soccorso
08 Agosto - Pesaro - esplosione di un forno in un hotel ferito l’aiuto cuoco investito dall‘ esplosione viene colpito da una scheggia all‘addome, operato d’urgenza perde la milza -Montellabbate - un addetto batte la testa durante le operazioni di scarico di un camion
24 agosto - Jesi - muore dopo 5 mesi l’operaio coinvolto nell’esplosione della caldaia dell’ospedale a cui lavorava da solo, non aveva più ripreso conoscenza.
27 agosto - Senigallia - operaio 45enne cade dal camion mentre scarica bancali elisoccorso con fratture agli arti
- civitanova - pescatore in alto mare si ferisce profondamente ad un braccio interviene la capitaneria
30 agosto - Grottammare - postina di 33 anni rimane schiacciata contro un muro nel tentativo di fermare l’auto di servizio che si sfrena in discesa soccorsa in codice rosso
03 settembre - Senigallia - A14 tamponamento tra autoarticolato e furgone, ferito un autista 06 settembre - Cingoli - muore l’operaio di 65 anni coinvolto nell’incidente nell’azienda di cingoli nel mese di marzo, era stato travolto da un distributore di bibite movimentato in cima una rampa di scale da un collega
17 settembre - Ancona - A14 autocarro si ribalta e finisce fuori strada ferito l’autista 18 settembre - osimo - dipendente 35enne di astea durante la raccolta rifiuti viene sbranato da un maremmano riporta 7 punti di sutura al collo salvato dall’intervento del proprietario del cane
20 settembre - Ancona - operaio di 65anni cade dal tetto dove lavorava da un altezza di 3 metri 02 ottobre
- Corridonia - uomo cade da diversi metri di altezza mentre lavora elisoccorso
11 ottobre - Morrovalle - operaio di 45anni viene colpito da dei cavi di acciaio in tensione in un azienda di profilati, gli rimangono infilzati all’altezza delle ginocchia in entrambe le gambe elisoccorso in gravi condizioni
16- ottobre - Ancona - operaio del cantiere navale di 46 anni batte la nuca passando sotto un ponteggio procurandosi una profonda ferita da orecchio a orecchio
19 ottobre- Fabriano -69ene rimane con le dita schiacciate sotto il carrello elevatore in azienda di vernici
23 ottobre - Montelparo - agricoltore di 37 anni muore schiacciato dal mezzo in ribaltamento
26 ottobre - Tolentino - imprenditore 65enne muore schiacciato da una lastra di metallo
15 novembre - Falconara Marittima - autista di 48 anni riporta ustioni diffuse nello scoppio di una cisterna per il trasporto petroli nel piazzale della cooperativa trasporti di fronte la raffineria api
18 novembre - Serra de’ Conti - incidente tra due camion due autisti feriti uno incastrato tra le lamiere
20 novembre - Monte Urano - 29enne muore in un esplosione di un distributore, svolgeva manutenzioni all’impianto antincendio
- Potenza Picena - operaio 47enne precipita dal tetto dove lavorava, elisoccorso in gravi condizioni dopo un volo di 6 metri
- Ancona - marittimo di 42 anni rimane ustionato da acido al volto e ad un occhio sul cargo pearl t a 30 miglia dalla costa, soccorso da motovedette lamenta oscuramento del campo visivo 27 novembre
- Sarnano - muratore di 50 anni cade da due metri di altezza fratturandosi bacino e una spalla 

A cura del Centro Studi Libertari "Luigi Fabbri" di Jesi