giovedì 23 marzo 2017

Domenica 2 apirle - Council of Rats + Montana




Ore 17.30 - Ingresso Gratuito

Centro Studi Libertari L.Fabbri
Jesi - via pastrengo 2

----------------------------------------------
Nuovo pomeriggio live questa volta in chiave Hardcore Punk. Il 2 aprile sul palco del CSL avremo da Milano i Council of Rats e da Fano i Montana. Ci si vede alle 17.30, ingresso gratuito e CENA VEGAN a seguire.
---------------------------------------------

- COUNCIL OF RATS
(Hardcore Punk da Milano - Presentazione del nuovo disco COARSE!)
FB: https://www.facebook.com/councilofrats/?fref=ts
Bandcamp: https://councilofrats.bandcamp.com/

- MONTANA
(Un po' punk un po' HC un po' R'n'R da Fano)
FB: https://www.facebook.com/montanapunkrock/?fref=ts
Bandcamp: http://comunita-montana.bandcamp.com/

Ora d'aria: rassegna cinematografica



Ora d'aria riparte con una rassegna di film tutti diversi tra loro per contesto e tematiche:

giovedì 30 Marzo alle 20.45:
"Lui è tornato" (2015) diretto da David Wnendt, commedia, 116 min.
https://www.youtube.com/watch?v=IYEys0Oxwag

giovedì 13 Aprile alle 20.45:
"Libertarias" (1996) diretto da Vincente Aranda, drammatico, 121 min.
https://www.youtube.com/watch?v=1NLfEnfKBmw

lunedì 1 Maggio dopo la mangiata al circolo:
"7 minuti" (2016) diretto da Michele Placido, drammatico, 88 min.
https://www.youtube.com/watch?v=VOtCHfprLDY

sabato 18 marzo 2017

Domenica 26 marzo - Ludmilla Spleen + Guerrra


Ore 17.30 - Ingresso Gratuito

Centro Studi Libertari L.Fabbri
Jesi - via pastrengo 2
----------------------------------------------
Altra serata all'insegna dei power-duo! Questa volta verranno a trovarci da Bologna i Ludmilla Spleen in compagnia del nuovo album appena uscito con il loro devastante Noise al fulmicotone, con loro i GueRRRa, anarco duo ternano a cavallo tra Math e Jazz-Core. Come sempre si parte alle 17.30 (P U N T U A L I !) con ingresso gratuito e CENA VEGAN a seguire.
---------------------------------------------
- LUDMILLA SPLEEN - Noise / PostPunk da Bologna
https://ludmillaspleen1.bandcamp.com/album/acephale
Bordate hardcore, tinte acide e deliri post-punk per il duo bolognese devastante che risponde al nome Ludmilla Spleen. Una batteria sghemba e pestata, una chitarra astiosa e tagliente, lamenti e grida di follia, il tutto rigorosamente rumoroso. Super noise band che con la sua nascita datata 1996 rappresenta il duo più longevo della penisola. Domenica ci presenteranno il nuovo lavoro Acephale.
- GUERRRA - Math / JazzCore da Terni
https://guerrra.bandcamp.com/
Un duo di indole matematico-anarchica. Chitarra e batteria al servizio di velocità , imprevedibilità e schizofrenica precisione. Strutture tendenti al jazz stravolte e strapazzate con furia hardcore. Maniacalmente matematici, e allo stesso tempo spiazzanti. RaFFFinato teRRRorismo musicale!
Nel 2012 esce LAMPO, album di debutto dei GueRRRa, sul finire del 2015, dopo il passaggio da trio e a duo, esce "SOPRUSI", co-prodotto insieme a "Cave Canem D.I.Y." e "Kaspar House".

lunedì 13 marzo 2017

Solidarietà a chi è vittima della repressione e dei fascisti

Nei giorni scorsi è arrivato a sentenza il processo per i fatti di Casa di Nialtri ad Ancona con il risultato di produrre condanne che hanno il sapore della vendetta e della repressione nei confronti di chi ha voluto manifestare per il diritto alla casa, la solidarietà ai migranti e contro politiche che privilegiano lo scontro al dialogo. In questo sono stati colpiti militanti anarchici e dei centri sociali con chiaro intento persecutorio. Contemporaneamente presso la sede dell' USI-AIT Marche e del gruppo anarchico Malatesta di Ancona è stata recapitata una lettera di insulti e minacce di chiara natura fascista. In tutto ciò consideriamo grave il quadro politico che nel capoluogo dorico, e nelle Marche, si va delineando, dove faccendieri e uomini di palazzo agiscono indisturbati lottizzando beni comuni, rubando spazi, diritti e futuro della collettività, mentre le provocazioni fasciste, la repressione istituzionale e la repressione politica montano e colpiscono ogni forma di dissenso. Da parte nostra non si può che esprimere la massima solidarietà ai colpiti e il rifiuto ancora una volta delle provocazioni fasciste, singole od organizzate, e qualsiasi negazione della libera manifestazione al dissenso politico e all’autorganizzazione sociale.

I firmatari

Gruppo Anarchico Kronstadt  di Ancona
Federazione Anarchica Italiana sez. "M. Bakunin" di Jesi
Alternativa Libertaria / FdCA - sezione "Silvia Francolini" di Fano - Pesaro
Archivio - Biblioteca "Enrico Travaglini" / Circolo Culturale "Napoleone Papini" di Fano

giovedì 16 febbraio 2017

Osservatorio Infortuni sul lavoro dicembre 2016 - gennaio 2017

Un inizio di 2017 che sul piano infortuni riscontra un fortunoso rallentamento in numeri, ma non in gravità. Come sempre i mesi di festività, caratterizzati dal freddo con precipitazioni e nevicate intense come  in questo anno, rallentano di molto i lavoratori solitamente più a rischio. Ancora una schiacciante prova per le  province più a sud della  regione, che si trovano a fronteggiare un terremoto continuo e un clima non amichevole, causa anche la disorganizzazione, e che hanno subito danni gravissimi sopratutto al comparto agricolo appenninico. Quello che teniamo a sottolineare è la vacua soluzione alla de-industrializzazione avvenuta o futura in tutti i  comparti  marchigiani e  il turismo, crollato già di 15 milioni di euro non fa prevedere nulla di buono per la stagione futura. Inoltre i lavoratori impiegati in questo settore sono i più esposti alla violenza dei voucher e lo schiavismo da permesso di lavoro; sono  loro infatti il numero maggiore di nuovi contratti dovuta alla stagionalità delle aziende. Solo nel senigalliese  i voucher già cresciuti del 50% nel 2015, nel 2016 segnano un +106%. Finite le briciole lasciate dal jobs act, ora le aziende non ci pensano due volte a licenziare i lavoratori assunti solo in base a regali fiscali.  Popolazione attiva che cala del 1,6%  nelle Marche,  già una delle regioni  con il più basso incremento demografico in Italia e di conseguenza con questi dati le persone in cerca di lavoro in  regione,  si attestano a  69mila quando erano solo 32mila  nel 2008.Se da un lato l’industria dichiara che nel  2015 cresce sia il fatturato, che la produzione, con un utilizzo degli impianti al 65% di media, dall’altro cala l’occupazione del 2% rispetto all’anno precedente; chiaro indizio che per far soldi ai padroni serve sempre meno la  manodopera. Infatti la disoccupazione di lungo periodo,  attualmente è  la metà dei senza lavoro che lo sono da oltre un anno; tutto questo in un quadro di di unioncamere, regione e istat che è a dir poco allarmante. Ancora una volta quindi le marche operose, sono solo parole scritte su carta straccia con gli imprenditori che decidono di non investire in regione i loro guadagni.


10 dicembre - Montefano - donna di 69 anni finisce con il braccio nella seminatrice riportando gravi  lesioni elisoccorsa
                        - Corridonia - muore imprenditore rimasto ferito in un incidente da caduta con trauma cranico dopo 1 anno di calvario
12 dicembre - Polverigi -agricoltore muore schiacciato dal trattore che si ribalta
22 dicembre - Porto santelpidio - operaio manutentore rimane ferito nell’esplosione
di un estintore che lo investe come una bomba
27 dicembre - Loreto - agricoltore rimane con la gamba sotto la motozappa che
 la stacca di netto l’arto
10 gennaio - Monteroberto - autista di scuolabus viene investito di fronte alla rimessa mentre si appresta ad iniziare il turno, sbalzato in un fosso riporta ferite alle gambe
26 gennaio - Osimo - operatore ecologico rimane schiacciato con una gamba dal
mezzo che si sfrena, ferito non grave
                     - Gallo di Petriano - muore cadendo da una scala e battendo la testa all’interno di un mobilificio un pensionato di 66 anni, indagini sono in corso sul fatto che lavorasse .
30 gennaio -Villa potenza - operaio di 56 anni rimane ferito alla testa da un tubo che gli cade addosso
                   - San benedetto - un operaio di 40 anni rimane gravemente ferito in un incidente
 rischia di perdere una mano

A cura del Centro Studi Libertari "L. Fabbri" - Jesi